Lunedì, 27 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Minacce di morte a Roberto Speranza: denunciato 35enne

Le minacce erano connesse alle restrizioni per Covid: "Meriti di essere bruciato vivo, ti devono squartare, ti ammazzeremo"

10 Settembre 2021

Minacce di morte a Roberto Speranza: denunciato 35enne

Fonte: lapresse.it

Minacce di morte sono state rivolte al ministro della Salute Roberto Speranza, tutte legate alle misure e restrizioni per Covid. Queste sono state inviate via mail da un 35enne di Latina, ora denunciato per 'minaccia aggravata'. ELo hanno riferito i Nas dei Carabinieri in una nota a "conclusione di articolate indagini e accertamenti telematici condotti sotto la direzione della Procura della Repubblica di Roma".

Minacce di morte a Roberto Speranza: denunciato 35enne

"Un 35enne della provincia di Latina è stato denunciato per 'minaccia aggravata' in quanto ritenuto responsabile di aver inviato, ad aprile 2021, email dal contenuto minaccioso rivolte al ministro della Salute, Roberto Speranza", hanno spiegato i militari in una nota.

"Di estrema gravità le minacce formulate, connesse con le misure e le restrizioni governative adottate in relazione all’emergenza pandemica da Covid-19: utilizzando toni offensivi, infatti, nei messaggi venivano prospettate azioni violente nei confronti del ministro, contenenti anche esplicite minacce di morte - evidenzia la nota -. 'Poverino hai denunciato quelle persone che ti hanno detto la verità', riferendosi alle perquisizioni che, ad aprile scorso, i militari del Reparto Operativo del Nas avevano condotto, sempre sotto la direzione della Procura di Roma, nei confronti di altre 4 persone, per analoghe minacce al ministro Speranza".

Tre le cose scritte dal 35enne contro Speranza: "Tu hai rovinato la vita a noi italiani e anche a me… tu sicuro farai una brutta fine per forza … meriti di essere bruciato vivo e uno ti deve squartare vivo con i vermi ti devono mangiare vivo… ti ammazzeremo tutti quanti". "L’odierno indagato si aggiunge, come detto, alle altre 4 persone già identificate e deferite, per analogo reato, alla Procura di Roma dai militari del Reparto Operativo del Nas nell’aprile scorso: le indagini sinora condotte non hanno fatto emergere collegamenti tra loro", conclude la nota del Nas.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x