Domenica, 16 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green pass falsi in vendita, la Polizia blocca 32 canali Telegram

Al via la maxi operazione contro il commercio di certificazioni verdi falsificate, a rischio i dati di centinaia di italiani

09 Agosto 2021

Green pass falsi in vendita, la Polizia blocca 32 canali Telegram

Maxi operazione della Polizia di Stato contro i Green pass falsi in vendita. Sono già 32 i canali Telegram bloccati dalle forze dell'ordine, mentre le ultime circolari cercano di avvertire i potenziali clienti sui rischi rilevanti dal fornire dati sensibili a terzi. Che questa pratica fosse iniziata già settimane fa era noto ai più, ma ora con il boom di richieste dovute all'entrata in vigore del nuovo Dpcm è stato possibile risalire all'identità di alcuni dei truffatori.

Green pass falsi in vendita, la Polizia blocca 32 canali Telegram

Il blitz della Polizia, dall'evocativo nome "Fake Pass", ha permesso di rintracciare e bloccare 32 canali Telegram che offrivano le certificazioni verdi fasulle. Gli utenti del servizio di messaggistica istantanea venivano attratti con messaggi che spiegavano chiaramente quali procedure seguire per ricevere (pagando) un Green pass simile in tutto a quelli veri. Nelle chat una volta entrati e inviata la richiesta, si veniva contattati con messaggi come: "Ciao, ti spiego brevemente come funziona. Attraverso i dati che ci fornisci (nome e cognome, residenza, codice fiscale e data di nascita) una dottoressa nostra collaboratrice compila un certificato vaccinale e (quindi sì, risulti realmente vaccinato per lo stato) e da lì in Green pass".

Il giro di vite intorno ai truffatori del Green pass riguarda località di ogni parte d'Italia. Al lavoro ci sono gli investigatori del Servizio Polizia postale e delle comunicazioni di Roma, Milano e Bari, con il coordinamento delle procure di Roma e Milano e dei minorenni di Bari. Le indagini stanno portando ora a perquisizioni e sequestri nei confronti degli amministratori di 32 canali Telegram responsabili della vendita di Green pass Covid19 falsi.  

Green pass falsi in vendita: la doppia frode per i dati

A incastrare i truffatori è stata anche l'emorragia di dati provenienti dagli utenti che usufruiscono del servizio di certificazioni verdi false. La Polizia postale avverte: "Fornire dati personali costituisce un grave rischio di violazione della privacy, e mette a disposizione di terzi dati sensibili che potrebbero essere utilizzati per altri fini illegali".

Gli annunci per la vendita di Green pass online sono esplosi su tutti i canali social, ma soprattutto su reti come Telegram è più semplice eludere i controlli delle Forze dell'ordine. I prezzi oscillano tra i 200 e i 300 euro, e permettono di ottenere la certificazione verde per adempiere alle nuove restrizioni entrate in vigore il 6 agosto, come l'accesso a eventi e locali chiusi.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x