Domenica, 26 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Incendi Grecia, dove sono i 150 incendi che stanno distruggendo il paese

Il fenomeno è senza precedenti. Situazione apocalittica a Evia, mentre arrivano i primi arresti per incendio doloso

08 Agosto 2021

Incendi Grecia, dove sono i 150 incendi che stanno distruggendo il paese

Non c'è pace agli incendi che stanno devastando la Grecia dalla notte di mercoledì 4 agosto. Sono 150 i fuochi identificati che stanno continuando a bruciare in tutto il paese. A preoccupare è soprattutto la situazione delle isole, in particolare Evia, dove gli incendi hanno distrutto centinaia di ettari di terreno in poche, drammatiche ore.

Incendi Grecia, dove sono i 150 incendi che stanno distruggendo il paese

Colonne di fumo e cenere hanno oscurato il sole sopra la seconda isola più grande della Grecia e hanno trasformato il cielo in arancione mentre un incendio di alcuni giorni ha divorato foreste incontaminate e ha attivato ulteriori avvisi di evacuazione all'alba di domenica 8 agosto, mentre i residenti hanno lanciato l'allarme per richiedere rinforzi da fuori nei soccorsi-

L'incendio su Evia, un'isola di montagne boscose e canyon alternati a piccole insenature di acqua cristallina, è iniziato il 3 agosto e ha colpito la popolare destinazione estiva da una costa all'altra, bruciando senza controllo per cinque giorni. Decine di case e attività commerciali sono state distrutte e migliaia di residenti e vacanzieri sono stati evacuati. L'incendio attualmente è il più grave dei centinaia scoppiati in Grecia negli ultimi giorni, sulla scia dell'ondata di caldo più prolungata e intensa del paese degli ultimi trent'anni, che ha fatto salire le temperature a 45 gradi e ha creato condizioni di aridità senza precedenti.

Incendi Grecia, a fuoco Evia, i residenti: "Non è rimasto nulla"

La guardia costiera greca ha detto che tre motovedette, quattro navi della marina, un traghetto, due barche turistiche e numerosi pescherecci e barche private erano in attesa di effettuare ulteriori potenziali evacuazioni dal villaggio balneare di Pefki, sulla punta settentrionale di Evia. Sono stati emessi ordini di evacuazione per quattro villaggi, compreso Pefki, ma alcuni residenti si sono rifiutati di andarsene, sperando di salvare le loro proprietà.

"È già troppo tardi, l'area è stata distrutta", ha lamentato Giannis Kontzias, sindaco del comune di Istiaia, nel nord dell'Evia. I residenti dei villaggi vicini erano stati invitati a recarsi a Istiatia, una cittadina di 7 mila abitanti nel nord di Evia che i vigili del fuoco hanno cercato di salvare durante la notte. Gli abitanti dei villaggi e le persone nel porto principale dell'Evia settentrionale, Aidipsos, sono stati invitati a chiudere finestre, porte e camini per impedire che le braci ardenti entrino nelle case.

Il capo della Protezione Civile, Nikos Hardalias, ha affermato che le condizioni su Evia erano particolarmente dure per gli aerei e gli elicotteri che trasportano l'acqua. I loro piloti hanno affrontato un "grande pericolo", fatto di "visibilità limitata, turbolenze e correnti di vento dovute all'incendio". "Abbiamo davanti a noi un pomeriggio più difficile, una notte più difficile", ha detto Hardalias. 

Incendi Grecia, dove sono

Funzionari locali e residenti nel nord dell'Evia hanno chiamato diversi canali televisivi ieri, sabato 7 agosto, per lanciare ancora un appello disperato a più vigili del fuoco ed elicotteri per trasportare ancora acqua. I vigili del fuoco hanno affermato che 575 uomini con 35 squadre di terra e 89 veicoli stavano combattendo l'incendio di Evia, inclusi 112 vigili del fuoco rumeni e 100 ucraini inviati in Grecia come rinforzi. Quattro elicotteri e tre aerei, tra cui un enorme aereo Beriev-200 noleggiato dalla Russia, hanno fornito supporto per evacuare i cittadini.

Altri tre grandi incendi hanno bruciato domenica nella regione meridionale del Peloponneso, in Grecia, mentre un enorme incendio che ha devastato foreste, case e attività commerciali ai margini settentrionali della capitale greca, Atene, sembra essere finalmente domato. Quel fuoco ha bruciato ampi tratti di un parco nazionale sul Monte Parnitha, la più grande area boschiva rimasta vicino ad Atene che portava ancora profonde cicatrici da un incendio nel 2007. "La riaccensione del fuoco a nord di Atene è stata una preoccupazione costante", ha detto Hardalias, aggiungendo che i vigili del fuoco e i militari "hanno pattugliato tutta la notte per affrontare la situazione". 

Venerdì, un vigile del fuoco volontario è morto dopo aver riportato ferite alla testa da un palo elettrico caduto a nord di Atene, mentre almeno 20 persone sono state curate per lesioni legate al fuoco, tra cui due vigili del fuoco che sono stati ricoverati in terapia intensiva. Il timore è che il bilancio delle vittime possa presto crescere, come avvenuto anche durante il terribile incendio del 2018.

Le cause degli incendi sono in corso di accertamento. Tre persone sono state arrestate venerdì 6 agosto nell'area metropolitana di Atene, nella Grecia centrale e meridionale, con l'accusa di aver dato inizio agli incendi, in due casi intenzionalmente. Un'altra persona, un greco di 47 anni, è stata arrestata sabato pomeriggio nel sobborgo ateniese di Petroupoli per aver acceso due fuochi in un boschetto e dato alle fiamme quattro cassonetti, secondo quanto riportato dalla Polizia locale.

Funzionari greci ed europei hanno incolpato il cambiamento climatico per il gran numero di incendi che hanno bruciato l'Europa meridionale negli ultimi giorni, dall'Italia ai Balcani, alla Grecia e alla Turchia. Da settimane enormi incendi divampano anche in tutta la Siberia, nel nord della Russia, costringendo all'evacuazione sabato di una dozzina di villaggi. In tutto, gli incendi hanno bruciato quasi 15 milioni di acri quest'anno in Russia. Negli Stati Uniti, il clima caldo, secco e con raffiche di vento ha anche alimentato devastanti incendi in California.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x