Mercoledì, 04 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green pass obbligatorio, Zaia: "Misura impossibile se non puoi garantire disponibilità"

Il governatore della Regione Veneto commenta le misure di Macron in Francia: "Decida il Cts"

14 Luglio 2021

Luca Zaia

Luca Zaia (fonte LaPresse)

Continua il dibattito sul Green pass obbligatorio, un tema che dalla Francia arriva come un'ondata sulla politica italiana. Non solo parlamentari e ministri, anche le regioni vengono interrogate sulle restrizioni. Per Luca Zaia, governatore della Regione Veneto, si tratta di una "misura impossibile se non puoi garantire la disponibilità". 

Durante il punto stampa di oggi mercoledì 14 luglio a Marghera, Zaia ha voluto precisare quali sono le sue opinioni sul tema. Dotato del pragmatismo che lo contraddistingue, ha preferito lasciare spazio per il dibattito e, soprattutto, l'opinione degli esperti. Ma su un punto non si può passare, come evidenzia il governatore veneto: prima bisogna fare ragionamenti sulle risorse a disposizione.

Green pass obbligatorio, Zaia: "Misura impossibile se non puoi garantire disponibilità"

Il governatore della Regione Veneto Luca Zaia ha risposto alle domande sul tema Green pass obbligatorio: "Quando introduci una norma come quella di Macron in Francia, devi essere anche in grado di garantire il vaccino a tutti. Se per assurdo si facesse ora, avremmo un contingente potenziale di cittadini ai quali dire: 'Non puoi andare al bar o al ristorante prima di un paio di mesi'. Prima, cioè, della vaccinazione." Il governatore puntualizza, poi: "La partita deve essere messa in mano al Comitato tecnico scientifico". 

Il dibattito è iniziato dopo che nella giornata di martedì 13 luglio, quando il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che non si potrà accedere alle aree pubbliche come ristoranti, cinema, ospedali e teatri senza vaccino. La mossa ha fatto impennare le registrazioni, che hanno toccato 1 milione in sole 24 ore. 

Green pass obbligatorio, Zaia sul rischio zone gialle

Per quanto riguarda l'allarme lanciato dal ministero della Salute, che ha denunciato un rischio zone gialle in 4 regioni italiane, il governatore veneto non si è detto preoccupato. Per Luca Zaia anche con l'aumento di casi di Covid19 "il sistema sanitario della regione sarà in grado di resistere". Secondo quanto dichiarato da Zaia nel punto stampa di ieri 13 luglio, i ricoveri sono ancora troppo pochi e non costituiscono una preoccupazione seria.

Sì alla zona gialla solo se i dati dipingono un quadro obbiettivamente importante. "Come da dcpm, i cittadini che si trovano in zona gialla sono soggetti a limitazioni legate agli spostamenti e devono attenersi a misure contenitive quali coprifuoco per i locali, chiusura dei ristoranti, mascherine all'aperto e all'interno. Tutte quelle misure di cui l'Italia intera si è liberata a fatica e che adesso sembrano venire vanificate nel nome di qualche contagio in più", ha concluso Zaia.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x