Venerdì, 30 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, associazione di medici fa causa a Governo: "Uccisi malati in terapia intensiva"

Pasquale Bacco : "Io ho visto le basi dei polmoni di pazienti Covid, durante le autopsie, ed erano completamente ustionate"

06 Luglio 2021

Covid, associazione di medici fa causa a Governo: "Uccisi malati in terapia intensiva"

Fonte: lapresse.it

L'associazione "L’Eretico", cui fanno parte già circa 2mila medici e giuristi, presenterà esposto contro il Governo, in particolare contro i provvedimenti presi dal Governo di Giuseppe Conte durante l'inizio della pandemia Covid in Italia. Il virologo Giulio Tarro, il magistrato Angelo Giorgianni e il medico ricercatore Paquale Bacco hanno dichiarato infatti di stare preparando un esposto presso la procura della Repubblica di Roma ed un ricorso alla Corte di Giustizia europea contro i provvedimenti nel 202o. Come riporta Il Giornale, "nell’esposto si mettono in evidenza una serie di aspetti della mala-gestione dell’emergenza Covid-19 in Italia. In particolare sotto il profilo medico-scientifico, epidemiologico e giuridico".

Covid, associazione di medici e giuristi denuncia: "Uccisi malati in terapia intensiva"

"Approcci diagnostici sbagliati, cure inappropriate, misure di contenimento del contagio e di sicurezza scriteriate, in vigore ancora oggi: per gli esperti dell’Eretico sono stati calpestati i diritti dei cittadini tutelati dalla Costituzione italiana e in sede internazionale". Queste le parole scritte nero su bianco da Tarro, Bacco e Giorganni nella nota. "Noi abbiamo ucciso le persone anche se in buona fede perché si era dinanzi a una situazione nuova". Tuttavia "in terapia intensiva è stata applicata una cura sbagliata. Si diceva di non utilizzare gli antinfammatori che ora invece sono alla base della nuova terapia, non veniva utilizzata l’eparina ed è stata effettuata la ventilazione profonda".

Dichiara ancora Pasquale Bacco al Giornale: "Io ho visto le basi dei polmoni di pazienti Covid, durante le autopsie, ed erano completamente ustionate perché l’ossigeno puro mandato a una certa pressione ha creato una vera e propria ustione. Poi si creavano le tromboembolie perché l’ossigeno non circolava in quanto i polmoni erano occlusi. I medici hanno seguito le linee guida del governo utilizzando un protocollo completamente sbagliato. È stato come curare un diabetico con lo zucchero".

Ma non è finita, secondo gli esperti è da accusare anche l’uso delle mascherine, "per il quale lo stesso ministero della Salute prevede possibili controindicazioni", e la somministrazione del vaccino. Il comitato legale dell’associazione “L’Eretico” ha già predisposto il modulo che i cittadini potranno utilizzare per chiedere al proprio datore di lavoro (o al dirigente scolastico, in caso di scuole) "di assumersi la responsabilità civile e penale per gli eventuali danni alla salute derivanti dall’uso del dispositivo. Un modulo analogo è stato preparato per l’assunzione di responsabilità del medico o del pediatra di libera scelta nei confronti del paziente laddove sia disposta la somministrazione di un vaccino obbligatorio".

I moduli sono stati pubblicati sul sito dell’associazione ed "è possibile scaricarli gratuitamente" come fa sapere Bacco. "La cosa più brutta – ha concluso il medico legale - è che nessuno ha chiesto scusa, ora è un dato che sono state applicate le terapie sbagliate e nessuno ha detto ‘Abbiamo sbagliato'". 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x