Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Successo, realizzazione personale, libertà finanziaria, gratificazione

La maggior parte delle persone però limita le proprie potenzialità e spreca il proprio talento per uniformarsi e non uscire dalle proprie abitudini. Intervista a Umberto Vitale

Di Paolo Brambilla

24 Gennaio 2022

Successo, realizzazione personale, libertà finanziaria, gratificazione

Il successo, la realizzazione personale, la libertà finanziaria, la gratificazione, tutte belle parole, idealizzate e mai raggiunte dalla maggior parte delle persone, che limita le proprie potenzialità e spreca il proprio talento per uniformarsi e non uscire dalle proprie abitudinarie azioni.

Questo è un argomento che sta molto a cuore a Umberto Vitale, imprenditore, investitore e formatore.

Intervista a Umberto Vitale

"Avrei potuto farlo anche io, avevo, ed ho tutt’ora, un lavoro ben remunerato, che mi aiuta a vivere bene, non mi mancava nulla… ma la mia visione è sempre stata molto ambiziosa, e il non “accontentarmi mai” mi porta sempre a volere di più da me stesso, cercare di più, salire il gradino per vedere fino a dove posso arrivare con la mia testa e dimostrarmi dove posso arrivare. Non è una competizione, con nessuno, ognuno ha il suo percorso, a 36 anni posso e devo guardarmi indietro senza avere rimpianti di non aver fatto qualcosa che potevo fare".

Nasce così il suo vademecum per il successo, che Umberto Vitale cerca di infondere a tutta la sua community che lo segue sui social o sul suo sito. "Funziona così" dichiara "è come un videogioco, non c’è un’azione da svolgere o un passaggio da fare per raggiungere il successo, ci sono azioni ripetute e continue, che incasellate una dopo l’altra ti portano a raggiungere un primo risultato, da li si parte e si continua, raggiungi il secondo e così via fino a quando arrivi a tutto quello che avresti sempre voluto e desiderato.

Non è facile, spesso ci sono battute d’arresto, momenti di sconforto dove sembra andare tutto storto e viene voglia di spegnere tutto, ma è proprio qui che viene fuori chi siete, cosa farete nella vita.

"Io potevo restare col mio lavoro abitudinario, passare settimane uguali una dopo l’altra, e invece ho deciso di avviare attività parallele che mi impegnassero il dopo-lavoro o la sera dopocena. Ho avviato e-commerce, ho avviato un’agenzia di comunicazione per social media, in cui ora annovero clienti che fanno parte del mondo dello spettacolo e della TV. Potevo decidere di accumulare risparmio ma ho deciso di investire, questa volta sugli immobili, creandomi ulteriori fonti di reddito, e ho investito soprattutto su me stesso, sulla mia formazione, studiando e applicando tutto quello che ho imparato, sia dall’università, sia dai libri e dai corsi che ho seguito; ho scoperto il mondo delle criptovalute, dei mercati finanziari, ho capito come approcciarmi e come diversificare i miei investimenti. Ho scritto il mio primo libro, venduto e distribuito su Amazon, proprio io che a scuola avevo nausea dei libri… Ogni passo fatto è un gradino della scala, un passo in più, come vedete non c’è una cosa che ti fa dire “ci sono riuscito” ma è un mix di azioni spinte da un’unica visione, la versione migliore di te stesso".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x