Domenica, 28 Novembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Diwali 2021, cos'è e come si celebra la festa delle luci colorate che comincia oggi in India

Lumini irridescenti, fuochi d'artificio e cibo a volontà. Sono alcuni dei modi in cui si festeggia il Diwali

04 Novembre 2021

Diwali

Fonte: Unsplash

Comincia oggi giovedì 4 novembre la giornata culmine di festeggiamenti per il Diwali, la festività celebrata in tutto il mondo (ma soprattutto nel sud asiatico) conosciuta anche come "festa delle luci". Le celebrazioni sono osservate in modo diverso da induisti, jains, sikh e buddisti, cosa che contribuisce a rendere il Diwali una festa armoniosa, un momento di ritrovo tra diverse tradizioni e culture in segno di apprezzamento. Per l'occasione milioni di cittadini accendono lumini colorati, si ritrovano di fronte a tavole imbandite e osservano spettacoli pirotecnici in compagnia.

Diwali, che cos'è e come si festeggia

Il Diwali è una festività che dura cinque giorni, conosciuta anche come "festival delle luci". Per molti cittadini del sud asiatico coincide con il tempo del raccolto ed è paragonabile a un capodanno autunnale, che porta buona fortuna e benessere. La data per il Diwali cambia ogni anno. Nel 2021 le festività sono cominciate già il 2 novembre, ma oggi giovedì 4 novembre si svolgeranno le celebrazioni principali.

La parola Diwali deriva dal sanscritoDeepvali significa "una linea di luci accese". Per questo motivo si è soliti trovare lumini e lampade colorate accese per l'occasione nelle case indiane, così come in negozi e stabilimenti governativi. Un'alternativa ai lumini colorati sono le lampade a olio, che sono chiamate Diyas. In india si è soliti mangiare dei dolci tipici per accompagnare l'accensione delle lampade, che è simbolicamente il momento culmine delle festività. Le luci vengono poi disposte sia all'interno delle abitazioni che nei cornicioni esterni. Usuale è inoltre indossare abiti colorati, in quanto il Diwali è una festa che vuole rappresentare gioia e felicità.

Un'altra tradizione legata al Diwali è legata al riso. Durante la giornata culmine del Diwali, che quest'anno cade il 4 novembre, i fedeli induisti disegnano forme floreali con polveri, spezie e riso per le strade delle citta. Si tratta di una pratica artistica chiamata rangoli ed è portavoce di buona fortuna, secondo quanto narra la Hindu American Foundation.

Tra le pietanze tipiche consumate in occasione del Diwali, si ricordano diversi dolci, tra cui il Motichur Laddu, una polpetta zuccherosa che si scioglie in bocca. Famoso anche il Jalebiis, un dolce a forma di spirale fatto con farina e sciroppo di zucchero.

Diwali, origine e significato della festa delle luci

Celebrata attraverso diverse religioni, il Diwali è un momento comune per festeggiare la vittoria del bene sul male in tutte le sue forme.

Ma da dove nasce questa festività? Essendo celebrata da diverse religioni nello stesso lasso temporale, le origini del Diwali sono le più disparate. Gli induisti, per esempio, festeggiano il ritorno delle divinità Rama e Sita al Ayodhaya dopo il loro esilio di 14 anni. Ma Diwali è anche il momento per ricordare il giorno che la madre dea Druga ha distrutto il demone chiamato Mahisha. Diverso è per i Sikh, che ricordano i 5 giorni tra ottobre e novembre come l'anniversario del rilascio dalla prigione del sesto guru Hargobind Singh nel 1916. Ecco perché per questo gruppo religioso il Diwali è un'occasione per osservare la carità e fare beneficenza. I Janisti infine, vedono nel Diwali il momento in cui il lord Mahavira ha raggiunto lo stato del nirvana, l'eterna beatitudine.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x