Venerdì, 19 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

comunicati

Daniele Varvaro, il ‘non influencer’ virale su Instagram grazie ai doppiaggi

27 Maggio 2022

(Adnkronos) - Trapani, 27 Maggio 2022. In un web nel quale essere virali sui social, appellati con quel nome di influencer per il quale in tanti farebbero qualunque cosa, c’è anche chi raggiunge l’obiettivo senza volerlo proponendo un qualcosa di divertente e senza la necessità di dover avere successo a tutti i costi.

Il doppiatore influencer, la storia di Daniele Varvaro, 30 anni, da Castellammare Del Golfo in provincia di Trapani, che è diventato un volto abbastanza noto per i frequentatori assidui di Instagram grazie al suo format ‘Doppiaggi Ignoranti’. Tutto grazie alla sua voce, in grado di creare molteplici sfumature così da creare stories e reels divertenti; che nel giro di breve tempo sono diventate virali superando il milione di visualizzazioni.

Come nasce questo format e quali sono le ragioni per le quali Daniele Varvaro non ama essere etichettato come influencer? Ce lo spiega direttamente lui.

Daniele, come è nata la tua ‘fama’ su Instagram?

“La mia fama su Instagram è nata un po’ per caso: sono riuscito a farmi notare grazie ad alcune storie divertenti divenute, spesso e volentieri, virali grazie alle migliaia di condivisioni. La gente condivideva per quella voce ‘da film’ che usavo. Mi veniva chiesto sempre la stessa cosa, ovvero: ‘che app usi per la voce?’ E rispondevo ogni volta che la voce era realmente la mia. Poi ho iniziato a miscelare le varie voci nelle storie e da lì è partita la viralità. Per assurdo, le storie sono più guardate dei miei reels. Riescono a raggiungere migliaia e migliaia di visualizzazioni.”

Ci parli del format Doppiaggi Ignoranti? Cos’è e come nasce?

“Doppiaggi Ignoranti nasce da una mia fantasia di cambiare un video che poteva essere serio in qualcosa di veramente assurdo e comico. Da tempo mi piaceva l’idea di creare discorsi imbarazzanti, sempre in chiave ironica, tra i diversi personaggi di un qualsiasi video serio. Un giorno ricordo che aprii un doppiaggio che avevo fatto su un tennista: aveva raggiunto 1 milione di visualizzazioni in pochissimo tempo. Da lì ho capito che poteva funzionare e non ho più smesso.”

Parlando in generale dei social: è vero che non ami tantissimo essere considerato influencer?

“Si è verissimo, non mi piace essere considerato così ma devo accettarlo. Preferisco definirmi un comico, doppiatore ma non influencer.”

E cosa ne pensi di questa moda di diventare influencer ad ogni costo?

“In realtà credo che chi vuole farlo deve buttarsi in una giungla pazzesca. È diventato difficile emergere perché ci sono tanti e tanti competitor, bisogna realmente sapersi distinguere. Per quanto mi riguarda non insisterei mai così tanto…consiglierei di usare questo ‘mezzo’ come una sorta di sfogo o diario…lascerei i miei contenuti e darei al tempo le risposte. Insistere non serve a nulla, crederci sì.”

Tu che conosci bene i social, ci parli un po’ di questo mondo? Quali sono secondo te gli aspetti positivi e i rischi?

“Il mondo dei social credo sia semplice e complesso allo stesso tempo: ci sono stati personaggi creati proprio qui, io stesso vengo dai social per esempio. Sono come un palcoscenico, se ci sai fare ci sarà sempre più pubblico, viceversa vedrai la platea svuotarsi fino, anche, a giungere al termine con la necessità di reinventarsi e ripartire da zero. Questo mondo è pazzo, può far arrivare in alto chiunque, anche chi non se l’aspetta. Basta un passo divertente certe volte o una battuta geniale per essere subito virali. Ma non è facile cavalcare quell’onda. I punti di forza per me sono guardarsi dentro ed essere se stessi. Non guardare mai i competitor, ognuno ha un suo mondo. I rischi sono che si può perdere davvero tanto tempo senza concludere mai nulla e si ci ritrova in condizioni negative.”

Per il tuo futuro, vedi uno spazio concreto su Instagram o preferisci che resti tutto una passione?

“Ci sono tantissime proposte che ricevo in continuazione, mi piacerebbe valutarle. Da Instagram potrei passare in qualche programma tv o in qualche radio. Tutto è possibile. Voglio però che resti sempre una passione proprio come è iniziata. Lascerò che a decidere sia il tempo.”

Responsabilità editoriale: TiLinko – Img Solutions srl per Linking Agency

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x