Sabato, 04 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

comunicati

Diritto alla casa: l’housing sociale puo’ essere una risposta?

26 Ottobre 2021

(Milano 26 ottobre 2021) - Milano, 26 ottobre 2021 - Lunedì 9 novembre, in diretta web dalle ore 17.00 alle 19.00 sul canale youtube del Centro Studi Borgogna, tornerà la Rubrica InterVenti con un nuovo appuntamento dal titolo “Diritto alla casa: L’housing sociale puo’ essere una risposta?”.

Sarà presente per i saluti iniziali Fabrizio Ventimiglia, Avvocato Penalista e Presidente CSB. Introdurrà i lavori Marco Cipriano, Direttore degli Osservatori del CSB. Modera l’incontro Micaela Vescia, Avvocato, Direttore Affari Legali e Societari ATM S.p.A. Parteciperanno, in qualità di Relatori: Carlo Cerami (Avvocato, Presidente CdA Redo Sgr), Simone Dragone (Presidente MM S.p.A.), Pierfrancesco Maran (Assessore alla Casa e Sviluppo del Piano Quartieri del Comune di Milano), Daniela Pallazzoli (Consigliere C.d.A del Consorzio dei Comuni dei Navigli, già Sindaco del Comune di Cusago), Gabriele Pasqui (Docente di politiche urbane, Politecnico di Milano).

Il diritto all’abitare è affermato, in molteplici sentenze, dalla stessa Corte Costituzionale. Parimenti, il diritto all’abitazione viene enunciato tra i requisiti essenziali caratterizzanti la socialità, in cui si conferma lo Stato democratico voluto dalla Costituzione. Tuttavia tale diritto non ha ottenuto, come accaduto invece per il diritto alla salute, una parametrazione in termini di livelli essenziali delle prestazioni da garantire su tutto il territorio nazionale. In questa fase di grave emergenza abitativa derivante da un deficit strutturale dell’edilizia pubblica, in particolare, dell’edilizia popolare, il Recovery Plan approvato dal Parlamento ha destinato 7,3 miliardi alla rigenerazione urbana e al potenziamento del cosiddetto “housing sociale”. Il termine inglese social housing viene tradotto in italiano come “Edilizia residenziale sociale” o “edilizia sociale”. Si tratta di una tipologia di intervento immobiliare ed urbanistico che mira a risolvere, con un unico progetto, più problematiche, tra cui l’emergenza abitativa, l’efficienza energetica e l’integrazione sociale. Si tratta di un fenomeno che si colloca a metà tra l’edilizia popolare e le proprietà private vendute o affittate a prezzo di mercato. L’obbiettivo principale è quello fornire alloggi con buoni o ottimi standard di qualità, a canone calmierato a quella parte di popolazione che non può permettersi una casa a prezzo di mercato, ma che ha un reddito troppo alto per accedere all’edilizia popolare, attraverso progetti ad hoc.

In Italia la situazione riguardante l’edilizia residenziale sociale non è così luminosa. Come riporta il Report 2019 The State of Housing, solo il 4% della popolazione italiana ha accesso a un alloggio con un affitto agevolato. Oggi ALER Milano, Azienda Lombarda per l’Edilizia Residenziale, e MM S.p.A. gestiscono oltre 70 mila unità immobiliari, tra comune e provincia, con oltre 200 mila inquilini e più di un migliaio di richieste aperte ogni giorno.

Fondazione ATM e ALER Milano, hanno sottoscritto una convenzione per la gestione di 70 mini-residenze temporanee nel capoluogo lombardo, da destinare temporaneamente ai beneficiari di Fondazione ATM in difficoltà economiche o personali.

L’evento ci consentirà di analizzare il tema sotto ogni punto di vista, con esperti del settore, offrendo una panoramica quanto più completa possibile.

Sarà possibile seguire la diretta sulla paginaFacebook e sul canale YouTube del Centro Studi Borgogna.

A proposito di centro Studi Borgogna

Nata nel 2017 da un’idea dell’Avv. Fabrizio Ventimiglia, il Centro Studi Borgogna è una Associazione di Promozione Culturale che opera come un laboratorio giuridico e di idee per promuovere la cultura del diritto, ispirandosi ai principi di etica, onestà e legalità, nell’ottica di contribuire al dibattito sulle principali questioni sensibili del nostro Paese. Le attività proposte dal Centro Studi Borgogna si prefiggono diversi obiettivi: promuovere il confronto tra mondi diversi arrivando a trasformare le riflessioni comuni in proposte praticabili; perseguire le finalità di promozione sociale e culturale; contribuire alla formazione dei professionisti nelle discipline giuridiche; promuovere l’amicizia, la cultura, la solidarietà e l’etica sul territorio milanese e nazionale. Al fine di perseguire tali obiettivi, l’Associazione Centro Studi Borgogna organizza conferenze, convegni e momenti formativi di varia natura; crea rapporti di collaborazione e sinergia con Università, Istituti di Ricerca e altri enti aventi finalità scientifiche; promuove la pubblicazione di documenti di approfondimento sui temi di diritto applicato; organizza eventi charity.

Per informazioni alla stampa:

Alessio Masi, Adnkronos Comunicazione

Mob. 3425155458; E-Mail: alessio.masi@adnkronos.com

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x