Sabato, 18 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

comunicati

Azienda come una grande famiglia che guarda al futuro. Questa l’impostazione di Dan John

29 Luglio 2021

(Adnkronos) -

Impegno, programmazione e resilienza. Questi gli ingredienti che stanno permettendo al brand fondato da Daniele Raccah e Giovanni Della Rocca di superare le incertezze e continuare a crescere

Roma, 29 luglio 2021 - A volte le difficoltà non vengono (tutte) per nuocere. Ci sono circostanze in cui possono aiutare a capire il nostro valore e, magari, ci aiutano a mettere il turbo verso qualcosa di più grande. È quanto è accaduto a Dan John, noto brand italiano di moda maschile, una realtà virtuosa sebbene relativamente giovane, diventata in poco tempo leader del settore, con più di 100 negozi nel mondo e prestigiosi riconoscimenti ottenuti dal Financial Times, da Il Sole 24 Ore e da La Repubblica, e in prima posizione nella classifica retail delle aziende con il maggior tasso di crescita in Europa.

Il 2020 è stato un anno decisamente nero per il comparto del retail di tutto il mondo, eppure, Dan John non ha lasciato che la pandemia e la crisi economica da questa portata frenassero il suo piano di crescita e di espansione in Italia e all’estero. Il segreto di questo successo? Pensare all’azienda come ad una grande famiglia, in cui ci si aiuta ed ognuno dà il suo contributo, e guardare sempre al futuro, con impegno, programmazione delle azioni e resilienza.

Se per qualcuno le aziende a conduzione famigliare (che in Italia rappresentano circa 3 PMI su 4) potrebbe rappresentare un limite alla crescita e allo sviluppo del business, così non sembra essere per Dan John. «Non riusciamo a trovare alcun difetto nell’avere un’impostazione familiare, ma, anzi, troviamo ci dia alcune qualità che sono difficilmente imitabili. – Spiega Daniele Raccah – L'azienda riesce a gestire i suoi momenti più alti, ed alcuni più “lenti” senza colpo ferire dal punto di vista del management. La chiave è la forte comunicazione tra di noi e trattare la Dan John proprio come un altro membro della famiglia, da far crescere sano e forte! In contesti di incertezza come quello che abbiamo vissuto all'inizio del Covid, siamo orgogliosi di aver condiviso in famiglia tutti i nostri pensieri e deciso in maniera svelta ed efficace la nuova rotta».

Fondata nel 2015, grazie al sodalizio tra Daniele Raccah (imprenditore con alle spalle 50 anni di esperienza nel settore tessile) e Giovanni Della Rocca (giovane talentuoso pieno di idee innovative), l’azienda è da sempre di stampo “familiare”, con una gestione del personale molto attento che punta a valorizzare i singoli talenti ma, allo stesso tempo, caratterizzata da una forte impostazione manageriale e un progetto chiaro: dare risposta ai bisogni di un pubblico trasversale che va dai 18 agli 80 anni. Per questo i prodotti del brand sono caratterizzati da uno stile senza tempo, con tessuti e materiali di alta qualità, attenzione ai particolari e un prezzo competitivo.

Formula che ha permesso alla società di superare brillantemente persino l’imprevedibile scoppio di una pandemia a livello globale, dando modo di continuare a crescere nel mentre altre attività chiudevano definitivamente.

«Il concetto di resilienza – spiega Raccah – può essere applicato al settore dell'abbigliamento e le aziende devono necessariamente rivedere il modo di produrre. Una sovrapproduzione ora non può essere ammessa, così come un taglio troppo forte all'immagine, con continui sconti per la paura di non riprendersi o per fare cassa velocemente ma in maniera malsana. Le aziende, in questo momento, devono essere resilienti e cercare nuovi canali di vendita, nuovi tessuti e metodi innovativi per ottimizzare la gestione».

Per quanto riguarda i saldi estivi attualmente in corso, ed esempio, Raccah e Della Rocca pensano che, anche quest'anno, saranno di certo importanti per aumentare il consumo in generale ma Dan John, a differenza di alcune aziende del settore con prezzi alti tutto l’anno per poi ribassare parecchio e puntare sui saldi, non ha una politica fortemente affidata alla vendita a sconto. Il brand crede nel prezzo giusto tutto l’anno.

La politica aziendale, sin dall'esordio sul mercato, è, infatti, quella di partire con un margine obiettivamente imbattibile per qualità/prezzo rispetto alla concorrenza, pur senza comunque arrivare impreparati alla liturgia degli sconti, con merce in saldo fino al 50% che genera una considerevole risposta positiva da parte dei consumatori. Una scelta oculata e di successo che, non a caso, vede l'azienda riscontrare un numero sempre maggiore di imprenditori che chiedono di aprire un negozio Dan John in franchising, contando proprio su un'organizzazione già collaudata e che garantisce – nonostante il periodo d’incertezza generale - un successo garantito.

«La ripresa economica vera la vivremo, e alla grande – dichiara l'imprenditore - una volta finita l’emergenza pandemica. Siamo certi che chi è riuscito a navigare in queste acque mosse, godrà di un bel vento e rinnovato spirito!».

Un navigare, il loro, che passa anche dal riuscire a rimanere al passo con i tempi persino per quanto riguarda i nuovi concetti di fare imprenditoria e marketing. La digitalizzazione, ad esempio fa parte del futuro di molti settori imprenditoriali, quello dell'abbigliamento compreso. Non sarà l'unico aspetto, ma sarà fondamentale. Per questo è stato deciso di introdurre, tra le tante novità, i pagamenti attraverso le criptovalute (unici in Italia per il settore) e, a breve, ci sarà anche un “programma fedeltà” innovativo. Dan John, tra l'altro, è stata tra le prime aziende ad aderire al progetto “Cashback” e, proprio in uno dei punti vendita - ad Aosta per la precisione - un loro cliente ha vinto 100mila euro grazie alla “lotteria degli scontrini”.

A prescindere dalle nuove possibilità aperte dalla tecnologia, l’intenzione di Dan John è però quella di continuare a rimanere focalizzata sull’esperienza nei punti vendita. Esperienza che la società punta a rendere unica grazie alla ricerca di modalità di shopping sempre nuove, gratificanti e, con un occhio ancora molto attento alla pandemia, sicure per i propri acquirenti. Un Pilastro ben solido per il brand che, grazie ai suoi punti vendita fisici, oltre a mantenere la vicinanza con il cliente, sta continuando a creare nuove importanti opportunità lavorative a ogni nuova apertura, in Italia come all’estero.

Per maggiori informazioni:

www.danjohn.com

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x