Lunedì, 06 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

comunicati

Da punto di Ritiro a punto di Produzione: è arrivato il “Teletrasporto” a km 0

01 Aprile 2021

(1° aprile 2021) - Dalla partnership tecnologica tra l’israeliana MADInc. e l’italiana Qapla’ nasce il progetto MADElivery: l’installazione sul territorio italiano di locker 4.0 in grado di produrre i prodotti ordinati online e di comunicare in real-time al cliente le fasi di realizzazione della merce. Tra le prime città in sperimentazione Milano, Firenze e Roma.

Firenze, 1 Aprile 2021 - La pandemia e i successivi lockdown hanno portato l’eCommerce e di conseguenza il tracking al centro delle vite - digitali e non - di tutti gli abitanti del pianeta Terra. Lo afferma una ricerca della University of Melbourne che - grazie ad un’equipe multidisciplinare composta da psicologi, medici, analisti, antropologi, semiologi e professionisti di marketing - ha studiato gli effetti a medio termine della diffusione del Covid19 sulle abitudini non solo di consumo ma anche cognitivo-comportamentale degli eShopper. Uno dei dati più stupefacenti mostra che gli utenti scelgono autonomamente di visitare una stessa tracking page dalle 42 alle 58 volte al giorno. La ricerca intitolata “Where is my order? A Transdisciplinary approach to a sociopathological pandemic obsession” dipende il ritratto di un consumatore eCommerce vittima dell’ansia da spedizione e con una soglia bassissima di tolleranza. Basti pensare che negli Stati Uniti tra ottobre 2019 e aprile 2020 il numero di download di app di tracking era quasi duplicato (dati: Apptopia).

L’osservazione di questi cambiamenti comportamentali, ormai difficili da estirpare, ha posto le basi per un progetto rivoluzionario: MADElivery.

La protagonista è qui una startup israeliana con sede a Be’er Sheva, MADinc., fondata da Adam Schaerf, tech-lead con un passato in Google, e Abigail Kaufman, ingegnere aerospaziale ex-NASA e una delle menti dietro al progetto Perseverance. Ma vede la partecipazione come partner tecnologico di un’azienda tutta italiana: Qapla’, nota per la piattaforma di tracking multi-corriere per gli eCommerce e comunicazione di marketing ai destinatari delle spedizioni.

Ispirati dall’ambizione - ad ora fantascientifica - di sperimentare un giorno il trasferimento di materia o “teletrasporto”, Schaerf e Kaufman con MADElivery si sono posti l’obiettivo di rispondere a due esigenze: la necessità di una produzione garantita covid-free che protegga sia l’azienda fornitrice sia il consumatore e insieme la necessità di tagliare via tutta la fase di attesa del pacco dal corriere e quindi l’ansia legata al tracking. L’effetto è anche ecologico, perché azzera le emissioni di CO2 legate al trasporto. Per questo si può parlare di “teletrasporto a km 0”.

Il progetto MADElivery, partito nel 2018, prevede la realizzazione di punti di ritiro 4.0 che grazie all’integrazione di stampanti 3D e macchine automatizzate producono beni di consumo direttamente in loco, nelle vicinanze di dove è presente il cliente che ha effettuato l’ordine. Il principio dietro MADElivery – nome che nasce dalla crasi dei termini “made” e “delivery” – è molto semplice: ripensare i locker di ritiro dei prodotti acquistati online in hub di produzione. Cosa che con i mezzi tecnologici oggi disponibili è finalmente realizzabile. Il prototipo presentato a marzo 2020 prevede locker grandi circa 4,5 volte i medi locker di ritiro e si adatta alla produzione di più di 15.000categorie prodotto, tra cui gioielli di bigiotteria, accessori, cosmesi, editoria, oggetti per la casa, elettronica, abbigliamento pret-a-porter, cravatte e perfino calzature su misura.

Le aziende eCommerce possono noleggiare uno o più hub a seconda del loro catalogo, inoltre sono consentite ampie possibilità di personalizzazione dei prodotti. I locker sono progettati attualmente già in 42 varianti, a seconda della tipologia e del settore eCommerce e con le dovute richieste custom.

Qapla’, azienda nata nel 2014 a San Casciano Val di Pesa (FI), ha sposato fin da allora il progetto integrando la propria tecnologia in grado di tracciare tutte le fasi di realizzazione del prodotto, dall’ordine sull’eCommerce alla realizzazione finale e di notificarle in tempo reale al destinatario tramite email e tracking page.

MADElivery è già in sperimentazione in Israele, Stati Uniti, Australia, Emirati Arabi Uniti e Svizzera e di prossima installazione anche nei comuni italiani di Firenze, Milano, Roma, Varese e SanCasciano Val di Pesa (FI). Grazie a Qapla’, l’Italia è stata scelta come Paese di lancio nell’Unione Europea.

“Il progetto MADElivery ci ha fin da subito convinto, da quando ho conosciuto i fondatori dopo un pitch di presentazione, per le enormi potenzialità disruptive su tutto l’ecosistema eCommerce. Per questo abbiamo scelto di sposare il progetto e diventare partner tecnologici nonché tester esclusivi per tutto il territorio italiano e in anteprima europeo. - dichiara Roberto Fumarola, CEO & coFounder di Qapla’ - Ci teniamo a dire che questa attività non mira a sostituire quella dei corrieri ma solo ad affiancarla e integrarla, con effetti benefici su tutta la filiera. Non lasciamo delusi gli utenti abituati al tracking: dall’acquisto fino al termine della produzione, la tracking page e le email di aggiornamento comunicheranno fase dopo fase tutti gli stati di lavorazione, che, ci piace sottolinearlo, non potranno in nessun modo subire ritardi. Una volta ultimato, l’ordine sarà ritirabile presso l’hub attraverso la scansione di un code bar univoco inviato al customer. Facile, no?”

“É stato un progetto lungo e difficile, il concept iniziale si è dovuto scontrare con i limiti imposti dalla tecnologia e le numerose esigenze di personalizzazione. MADElivery infatti non nasce per realizzare prodotti standardizzati -commenta Adam Schaerf, CTO & coFounder di MADinc. -Siamo orgogliosi di aver trovato in Qapla’ il partner ideale per avviare la sperimentazione in Europa: le nostre esigenze tecnologiche collimano perfettamente e puntano alla soddisfazione del cliente finale.”

La prossima fase del progetto prevede il coinvolgimento di un gruppo di aziende e utenti per testare la beta version del sistema. Al momento sono stati individuati 12 hub MADElivery già presenti in Italia (Firenze, Milano, Roma, Varese e San Casciano Val di Pesa).

Se sei un’azienda visionaria o un cittadino che vuole mettersi alla prova e abita in questi comuni, compila questo form per prendere informazioni su questa nuova avanzata opportunità (indirizzo: https://jo.my/locker_madelivery_qapla).

La notizia completa è presente su questa pagina sul progetto di tracking di Qapla’ .

Su Qapla’:

Qapla’ è un sistema integrato che permette di gestire contemporaneamente il tracking delle spedizioni, attività di customer care e di marketing automation. Fondata nel 2014 da Roberto Fumarola e Luca Cassia, conta oggi più di 30 dipendenti e monitora automaticamente e in tempo reale circa 1,5 mln di spedizioni al mese, presentandosi come un ottimo strumento di supporto a tutte le realtà che operano nel settore eCommerce. La piattaforma mette in connessione tutti i CMS, Marketplace e siti custom con i sistemi dei corrieri e consente così il tracciamento di più di 160 corrieri, la stampa delle lettere di vettura e l’invio di messaggi personalizzati sulla consegna al destinatario. L'editor avanzato drag&drop di email e tracking page può considerarsi il suo fiore all'occhiello, per le potenzialità di marketing che sprigiona nel post vendita. Nella seconda metà dell’anno 2020, l’azienda ha concluso un round di investimento di 950 mila euro sottoscritto da Track2Marketing, CDP Venture Capital SGR tramite il Fondo Acceleratori, e altri soci Qapla’, destinato al consolidamento del mercato italiano e spagnolo, in cui l’azienda già opera attivamente, e all’ingresso in nuovi mercati europei. Tra i più noti clienti attivi si distinguono: Moschino, KIKO, PUPA, Brosway, SodaStream, ePrice, Raja, Tannico, Amicafarmacia, Gioiapura, Legami.

Per ulteriori informazioni consultare: https://www.qapla.it/

Ufficio stampa Qapla’

press@qapla.it

info@qapla.it

Roberto Fumarola

Marco Bisogni

Tel. 055 0351512

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x