Domenica, 14 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

spettacolo

Max Giusti: "Gru cattivissimo in Minions 2 perché brutto come me"

L'attore romano al Film Fest, 'Un po' come me... anche io da ragazzino sentivo il bisogno di farmi accettare, ma nella vita ci vuole grinta non cattiveria'

30 Giugno 2022

Max Giusti: "Gru cattivissimo in Minions 2 perché brutto come me"

Taormina, 30 giu. (Adnkronos) - "I cattivi hanno sempre più chiavi di lettura rispetto ai buoni; Gru è cattivo perché è brutto, è grasso, ha bisogno di essere accettato... un po' come me da ragazzo e forse anche ora!". Max Giusti suggerisce nuove identificazioni con il personaggio di Gru, cui dona la voce nel doppiaggio italiano di 'Minions 2: come Gru diventa cattivissimo', il film d'animazione portato al 'Taormina Film Festival', dal 18 agosto nelle sale cinematografiche. Spiega l'attore romano, ricordando anche la sua adolescenza vissuta nella borgata del Trullo all'estrema periferia di Roma: "Non sono mai stato un 'bello', ho sempre avuto qualche chilo di troppo, a scuola le più belle della classe non mi hanno mai filato... Ecco perché dico di aver sempre sentito il bisogno di essere accettato".

Il 'cattivissimo' Gru questa volta - in 'Minions 2', che segue il prequel dei tre cartoon della serie 'Cattivissimo me' - è un ragazzino di poco più di dieci anni, "quindi ho dovuto reinventarmi la sua voce tenendo però conto di quella che era già stata la sua voce da adulto - spiega Max Giusti - Dopo alcuni tentativi andati a vuoto, ho capito che se prima quella voce non la sentivo nel cuore e nella mente non l'avrei poi potuta trasferire alla corde vocali: dovevo ragionare come un ragazzino e questo fatto mi ha regalato una crescente emozione".

Davanti ai giornalisti, Max Giusti confessa: "Adoro essere intervistato, dopo anni e anni in cui ero io a intervistare gli altri nei miei programmi tv... ora mi godo questo momento, ben sapendo però che il nostro è un mestiere bellissimo ma che non dà certezze, che ti fa correre senza sapere se e dove arriverai". Ma la 'cattiveria' serve nella vita, professionale e personale? "No, serve grinta che è una cosa diversa -assicura l'attore - Non so se sia vero che se sei buono poi alla fine nella vita avrai un ritorno, ma so con certezza che se sei cattivo poi non ti puoi guardare allo specchio".

(dell'inviato Enzo Bonaiuto)

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x