Mercoledì, 20 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

un novembre da record si chiude con il segno meno

30 Novembre 2020

un novembre da record si chiude con il segno meno

L’ultima seduta di un mese da record si chiude con il segno meno. In aumento del 23,7% da inizio mese, oggi il Ftse Mib ha chiuso la prima seduta della settimana a 22.060,98 punti, -1,3% rispetto al dato precedente.

L’extra-performance di Piazza Affari rispetto agli altri listini europei, l’Euro Stoxx 50 a novembre ha segnato un +18,8%, è legata agli annunci relativi i vaccini che, avendo fatto scattare al rialzo le azioni maggiormente legate al ciclo economico (come banche e industriali), hanno favorito quei listini maggiormente caratterizzati dalla presenza di questi due tipi di titoli.

A Milano spicca il -4,96% di UniCredit in scia alle incertezze legate alla posizione del Ceo Jean Pierre Mustier dopo il confronto informale sulla governance avvenuto in seno al Cda nel week end. Secondo i rumor circolati nelle ultime ore, potremmo anche assistere ad un avvicendamento al vertice di Piazza Gae Aulenti (il mandato di Mustier scade a marzo).

Già smentita, l’ipotesi di un avvicendamento con Matteo Del Fante di Poste Italiane ha fatto perdere al titolo PST il 2,91%. Tra i bancari, segni meno anche per Mediobanca e BPER, in calo rispettivamente del 3,31 e del 3,04 per cento.

La contrazione del greggio, il future sul Brent arretra dell’1,7% a 47,4 dollari il barile, ha innescato le prese di beneficio sui titoli del comparto oil: Tenaris ed Eni hanno entrambe chiuso con un -3,25% mentre Saipem ha lasciato sul parterre l’1,49%. Debolezza anche per le aziende di pubblica utilità (-3,65% di Hera, -2,81% di A2A e -1,55% di Enel).

Nel comparto industriale, balzo di Pirelli (+3,57%) in scia della valutazione positiva contenuta in un report in cui Banca IMI ha rimarcato come l’esposizione verso Stati Uniti e Cina offra “una maggiore visibilità sull'anno prossimo a livello di profitti/perdite e free cash flow". Poco mosso lo spread Btp-Bund, salito dell’1,2% a 116 punti base. (in collaborazione con money.it)

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x