Martedì, 13 Aprile 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Festival delle Assicurazioni 2020, al via l'Insurance day, Bardelli (Generali): "Rispondiamo alle nuove sfide imposte dalla pandemia confermando la nostra strategia"

Il settore assicurativo tra cambiamento e digitalizzazione

17 Novembre 2020

Festival delle Assicurazioni 2020, al via l'Insurance day, Bardelli (Generali): "Rispondiamo alle nuove sfide imposte dalla pandemia confermando la nostra strategia"

Generali Italia (Wikipedia)

Il settore assicurativo tra cambiamento e digitalizzazione

Festival delle Assicurazioni 2020, Francesco Bardelli (Generali): "Dobbiamo lasciarci guidare dall'andamento del mercato e dai comportamenti dei clienti. La trasformazione tecnologica è inevitabile"

Francesco Bardelli, Ceo di Generali Jeniot e Chief Business Transformation Officer di Generali Italia, ha parlato durante l'Insurance day, l'evento che apre ufficialmente il Festival delle Assicurazioni iniziato oggi 17 novembre 2020, del cambiamento nel mercato e nei consumatori. “Quello che stiamo osservando nel mercato e nei consumatori - afferma Bardelli- è il cambiamento dei bisogni e  dei comportamenti. Sta sicuramente aumentando la percezione del rischio e la tutela della salute personale e dei dipendenti. Per quanto riguarda i comportamenti abbiamo in programma un’accelerazione su digitalizzazione e sulla modalità di interazione digitale. Come rispondiamo a queste sfide? Sostanzialmente  confermando la nostra strategia: nuova generazione di offerta assicurativa che consiste nell’offrire prevenzione, protezione e assistenza ai nostri clienti cogliendo le nuove opportunità che il contesto sta facendo emergere (offrire credito combinato con coperture assicurative). Il secondo punto della nostra strategia riguarda le partnership e gli ecosistemi, vogliamo raggiungere i nostri clienti con nuovi canali. Il terzo pilastro è l’allargamento dei touchpoint digitali con cui essere raggiungibili dai nostri clienti. Abbiamo aperto un nuovo canale su WhatsApp sia per la denuncia che per l’apertura di sinistri e anche per nuovi preventivi sui prodotti.

" Dobbiamo lasciarci guidare dall’andamento del mercato e dai comportamenti dei clienti con un nuovo modo di stare sul mercato e di intercettare i clienti. La trasformazione tecnologica è inevitabile e comunque già partita negli scorsi anni, la nuova tecnologia cloud che punta alla sofisticazione dei nostri modelli analitici, ci sta accompagnando in una nuova trasformazione culturale" conclude Bardelli.

Festival delle Assicurazioni 2020, Ferraresi (Cattolica Assicurazioni): "La tecnologia deve essere di supporto alla rete agenziale"

“La pandemia ha posto sistema economico sociale di fronte a nuove sfide" ha sostenuto Carlo Ferraresi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Gruppo Cattolica Assicurazioni, durante il Festival delle Assicurazioni. "Nessuno si aspettava tali cambiamenti a livello di mercato. Cambiamenti che partono dalle abitudini di consumo della clientela che risulta più attenta al prezzo. Abbiamo maggiore attenzione per salute e servizi digitali e data analitycs. Le reti fisiche devono convivere con offerte digitali. Io penso che la rete agenziale è e sarà sempre il capo saldo delle compagnie e in particolare di Cattolica, è tuttavia importante dotare la rete delle capacità imprenditoriali e tecniche legate alla tecnologia. Cattolica tramite la sua app è rimasta in contatto con i propri clienti che hanno potuto verificare lo stato delle proprie polizze e denunciare sinistri. Riteniamo che la tecnologia debba essere di supporto alla rete fisica. La partnership con generali è stata annunciata a giugno ed ha iniziato a essere operativa alla fine di ottobre. Il 2021 per Cattolica sarà impegnativo, chiuderemo la seconda tranche dell’aumento di capitale".

Festival delle Assicurazioni 2020, Fioravanti (Intesa Sanpaolo): "La pandemia ha sensibilizzato aziende e persone su tematiche legate alla salute"

“Il settore assicurativo sta rispondendo bene alla pandemia, abbiamo uno scenario che ci porta a fare i conti con nuove sfide" afferma Nicola Maria Fioravanti, Amministratore Delegato Intesa Sanpaolo Vita,  responsabile Divisione Insurance e Presidente del Consiglio di Amministrazione di Intesa Sanpaolo Assicura. "Nella trasformazione tecnologica e digitale le assicurazioni sono indietro rispetto alle banche. In primo luogo abbiamo attuato investimenti in assicurazione sanitaria integrata e  l’abbiamo fatto con estrema lungimiranza prima della pandemia. Ci siamo mossi anche sul mondo delle imprese e stiamo lavorando su tema cyber e sulla diffusione della cultura assicurativa. Abbiamo lanciato insieme ad altri partner un master in Insurance Innovation e abbiamo fatto investimenti in trasformazione digitale. La sanità integrativa - continua Fioravanti - definisce il fatto che mentre servizio sanitario nazionale si occupa di bisogni primario, la parte assicurativa deve appunto integrare i punti in cui lo stato non arriva. La pandemia tra i tanti effetti negativi ne ha avuto anche uno positivo: sensibilizzare aziende e persone a tematiche legate alla salute. I canali digitali sono canali complementari a quelli fisici. Abbiamo costruito un modello che parte dalla centralità del nostro gestore che tuttavia deve arricchirsi  di elementi digitali, dobbiamo raggiungere i nostri clienti anche con altri mezzi. Importante digitalizzare le azioni di post vendita e stiamo lavorando su questo: semplificare e rendere più efficiente il servizio. Il 2021 sarà anno delicato perché abbiamo l’ integrazione di tre compagnie, quindi sicuramente verrà fatto un lavoro intenso di integrazione”.

Festival delle Assicurazioni 2020, Campora (Allianz): "Abbiamo retto bene alla pandemia ma bisogno di conquistare più mercato. Per i prossimi tre anni obiettivi ambiziosi"

Giacomo Campora,  Ad e direttore generale di Allianz Spa, durante il suo intervento nel Festival delle Assicurazioni, ha affermato :La situazione delle assicurazioni si è chiarita in questa fase, ci siamo rifocalizzati sul nostro core business: la gestione dei rischi. I rischi hanno peso preponderante e  durante questo periodo abbiamo rivalutato la parte tecnica dando priorità a investimenti di trasformazione digitale. Abbiamo avuto una diminuzione dei sinistri e abbiamo investito i fondi tratti da tali benefici per rinnovare e creare meccanismi più moderni. Il problema principale è che mi sono reso conto che teoricamente questa compagnia funziona con un numero inferiore di risorse rispetto a quello che pensavamo. Se considero investimenti risorse e edifici, in questo quadro macroeconomico siamo sovrabbondanti. La questione delle risorse è delicata: la nostra società è basata sul superfluo, tutto il sistema economico si regge su attività che non sono fondamentali e questo vale anche per le compagnie di assicurazione. Abbiamo retto bene alla pandemia ma abbiamo bisogno di conquistare più mercato. Per i prossimi tre anni abbiamo degli obiettivi ambiziosi”

Festival delle Assicurazioni 2020, Castellano (Zurich): "Valore di condivisione e mutualità alla base della nostra strategia"

Valore di condivisione e mutualità alla base della strategia della Zurich Insurance Italia stando alle parole di Alessandro Castellano, Country CEO di Zurich Insurance Gruoup Italia. "Io considero la digitalizzazione un mezzo - afferma Castellano durante il Festival delle Assicurazioni - che per quanto possiamo migliorare è sempre un qualcosa che deve essere funzionale alla risposta al cliente. C’è correlazione tra Pil di un paese e livello di assicurazione, le attività economiche migliorano anche in relazione alla capacità assicurativa. Attualmente c’è qualche punto interrogativo su intervento dello stato che ha trovato una situazione di canalizzazione non così benefica.  Noi abbiamo cercato di andare su contenuti e abbiamo messo su una polizza digitale che consente a gruppi di persone di attuare mutualità. Il settore assicurativo ha bisogno di fare progressi in termini di narrativa, raramente trovo clienti che sappiamo esattamente cosa comprano e questo accade anche un po' per incapacità da parte del settore assicurativo di comunicare al meglio. Noi abbiamo dimostrato di essere una delle compagnie meglio performanti, abbiamo la giusta strategia. Il 2020 finirà ragionevolmente bene, siamo tutti preoccupati per il 2021".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

iGdI TV

Articoli Recenti

Più visti